Perché la nonna, in quel ritratto, sembra una Neanderthal

Eccolo finito!

Il regalo per tua nonna è finalmente pronto!

Ti allontani per darle un ultimo sguardo e...

Un mostro!

Sembra una donna delle caverne! Non starebbe male con un osso tra i capelli! Ma che cavolo è successo??!!

Te lo dico io: il tuo cervello ti ha fregato!
Hai fatto un semplicissimo ma letale errore di proporzione.

Funziona così: noi diamo emotivamente più valore ad alcune parti di una testa e, proprio per questo, fissiamo lo sguardo maggiormente su quelle parti.

Un esempio: la faccia!

La faccia umana è piuttosto piccola rispetto a tutto il volume del cranio, ma noi guardiamo soprattutto quella e, per questo, sottostimiamo il resto.

Infatti raramente ho sentito dire: "Che bella donna: ha una calotta cranica meravigliosa!"

Eppure il nostro "neurocranio" (la capoccia, per intenderci) è più grande dello "splancnocranio" (la faccia).

Rispondi al volo:

Gli occhi, a che altezza sono della testa?

Se hai detto a 2/3, come la maggior parte delle persone, hai toppato!

Gli occhi sono esattamente a metà altezza.
Se non ci credi prendi una matita, misura la distanza tra mento e canto interno di un occhio, e riportala in alto...Sorpresa!

Tu non hai idea di quante volte il tuo cervello ti freghi in questo modo.

Di fatto noi abbiamo una mappa del corpo, stampata nelle circonvoluzioni della nostra corteccia cerebrale che è totalmente sproporzionata! E quando disegni, se non lo sai, riproduci quella mappa e non la realtà!

Per questo la povera nonnina ha la fronte sfuggente di un Australopiteco!

Il ritratto dal vivo ( e anche da foto) è sempre una lotta tra la realtà e le illusioni della tua mente. Per questo provi quella sensazione di disagio! Riflettici: quel viso è davanti ai tuoi occhi! Perché non dovresti riuscire a ritrarlo precisamente? Sta proprio lì!! Eppure...lo vedo, ma non riesco a ritrarlo! Quella fatica che senti è la lotta interna tra i tuoi emisferi cerebrali. Da una parte cerchi di riprodurre ciò che hai davanti, dall'altra la tua programmazione altera le tue percezioni...

il risultato finale è quel mostro che hai disegnato sul foglio!

La soluzione?

Sono due in realtà:

  1. impara a vedere con oggettività la realtà intorno a te, e ci sono tecniche apposite per questo
  2. Studia le vere proporzioni umane! In modo da non rischiare di essere ingannato, e da poter anche "aggiustare" alcune cose che vedi!

Ora sai chi è il tuo nemico!!

2 pensieri riguardo “Perché la nonna, in quel ritratto, sembra una Neanderthal”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

www.disegnaredamaestro utilizza i cookies per offrirti un’esperienza di navigazione migliore. Usando il nostro servizio accetti l’impiego di cookie in accordo con la nostra cookie policy. Se vuoi maggiori informazioni, consulta la Cookie Policy